PETIZIONE PER L'INTRODUZIONE DI FRENI AL GIGANTISMO AZIENDALE

Alla Petizione in formato PDF  (click qui)

Come già dice il titolo, questa Petizione propone che il Parlamento si faccia carico di ogni iniziativa possibile che sia in grado di limitare se non far regredire il gigantismo aziendale, magari introducendo una variabilità delle aliquote di imposizione che siano 'progressive' in funzione, ad esempio, dell'entità del capitale aziendale

RIGETTO DEL GIGANTISMO AZIENDALE

Al rigetto del gigantismo aziendale ci debbono portare diverse considerazioni:

 

a) sulla sopravvivenza di una qualsiasi democrazia

È chiaro che non ci può essere vera Democrazia in una società in cui i vertici di un'azienda, di un cartello, o di un gruppo finanziario dispongano del potere di mandare a catafascio l’economia della nazione o di poter credibilmente minacciare una tale eventualità: una simile condizione equivale alla riduzione dei cittadini in questuanti servi-prigionieri. È inaccettabile!

Il contenimento delle dimensioni delle aziende, quindi, serve in primis a rendere impraticabile un simile ricatto.

 

b) sulla riduzione del rischio sociale

Continuando sulla scia delle considerazioni di cui sopra, è evidente come l'insorgere di episodi di crisi aziendali possano risolversi con minor dispendio di energie umane-sociali-politiche quando la crisi investa entità di dimensioni ridotte, mentre sono sempre traumatiche se e quando coinvolgano 'giganti' che impieghino eserciti di maestranze (vedi precedente punto a)).

 

c) sulla promozione dell'impegno e la responsabilizzazione di tanti 'singoli'

La sussistenza di tante aziende di piccole/medie dimensioni al posto di poche gigantesche strutture fa sì che nel tessuto economico-sociale vengano ad essere presenti un maggior numero di 'vertici aziendali', di 'titolari di azienda': di persone, cioè, che si espongono pubblicamente mostrando ai concittadini il frutto delle loro abilità e del loro impegno.

Una tale condizione è molto più incentivante di tutti gli altri incentivi che siano mai stati inventati: il naturale orgoglio personale di chi possa dire “questo l'ho fatto io!” vale molto di più di quello di chi possa solo vantarsi di essere capo-reparto di Marchionne o di un'altra azienda dimensioni paragonabili.

 

d) sulla promozione della corretta concorrenza

A fronte di un determinato dimensionamento della domanda complessiva, il contenimento delle dimensioni aziendali è destinato a produrre direttamente un aumento (o, almeno, la conservazione) del numero delle aziende presenti sul mercato, e questo rende sicuramente meno facile la costituzione di 'cartelli' tesi a tenere alti i prezzi. In sostanza, è più che probabile che, aumentando il numero dei concorrenti, sia più che compensato l'eventuale risparmio dovuto ad una pompata e propagandata economia di scala.

 

E' per quanto sopra che osiamo chiedere al Parlamento di ricercare, individuare, adottare provvedimenti che siano di ostacolo alle manie di grandezza di troppi manager o finanzieri internazionali